Quando si parla di guanto monouso spesso si crea confusione e complica la scelta dell'utente che lo acquista.

Quale tipologia di guanto monouso scegliere?


Parlando di guanto monouso possiamo trovare tante soluzioni, tra cui anche i guanti in nitrile.
La composizione di quest'ultimo non è semplice proprio perché  il guanto monouso in nitrile è realizzato con una composizione a base di butadiene (poliene composto da quattro atomi di carbonio) e acrilonitrile ( liquido incolore, facilmente volatile, dal forte odore soffocante e assai tossico, che bolle a 78 ºC.).


Questo particolare indica che i guanti si compongono quando le sostanze sono allo stato liquido.
Quest'importante procedura riguarda solo questo tipo di guanto monouso, proprio perché  vantano caratteristiche come elevata comfort ed ergonomia, massima duttilità e alta resistenza meccanica.
Possiamo quindi affermare che stiamo parlando di un dispositivo affidabile, protettivo ed ultra resistente.
E' un importante articolo che possiamo usare in ogni tipo di situazione, dall'utilizzo in centri ospedalieri fino ad arrivare alle semplici pulizie casalinghe.
Il vero scopo del guanto in nitrile è difendere l'utente che lo utilizza, proteggendolo da batteri, allergie e sostanze altamente rischiose e corrosive.
Inoltre, possiamo aggiungere che è opportuno l'utilizzo di questa tipologia di guanto nel settore alimentare perché è in grado di non trasmettere batteri e di conseguenza fa si che si inquinano i cibi.

Differenza tra i guanti monouso in Nitrile e Lattice


Prima abbiamo parlato di una leggera confusione che si potrebbe creare della tipologia di guanto, perché  la similarità tra i guanti in nitrile e in lattice può far sorgere delle perplessità sul loro utilizzo.
E' importante dire che i guanti in lattice sono noti per la loro elasticità, ma rispetto ai guanti in nitrile, è ben poca, così come la resistenza.
Quest'ultima è caratterizzata dallo spessore guanti in nitrile, che tutela maggiore resistenza meccanica rispetto a quella dei guanti in lattice, che al contrario, sono frequentemente perforabili se utilizzati a contatto con sostanze chimiche.

Il guanto monouso in Vinile?


Alla spiegazione e differenza di utilizzo e caratteristiche tra queste tipologie di guanti facciamo una piccola spiegazione anche dei guanti in vinile.
Quest'ultimi si riconoscono perché economici e molto pratici per le faccende domestiche/ giornaliere.

Puntare sul prezzo o sulla qualità?


Ma la comodità e il prezzo non sono gli unici fattori che caratterizzano e recensionano il prodotto .
Tutto sommato, possiamo aggiungere che non hanno nulla a che vedere con i guanti in nitrile per motivi di sicurezza, protezione e resistenza.
Confermando che il guanto in nitrile possiamo definirlo come prodotto "rassicurante" e " sicuro", i guanti in vinile non possiedono tali caratteristiche perché  facilmente perforabili .
Per di più, dato che hanno una composizione da materiali granulosi, non assicura una perfetta impermeabilità e se in aderenza con sostanze chimiche potrebbero penetrare nella pelle e rischiare di danneggiarla causando molti problemi fisici all'utente finale.
Il fattore positivo del guanto in vinile sta nel dire che parliamo di un materiale biodegradabile, ma di conseguenza ci fa capire come la sua resistenza sia davvero minima e imparagonabile con i guanti in nitrile.
Tutto sommato, possiamo affermare che utilizzare guanti in nitrile risulta la scelta più adeguata in una qualsiasi circostanza.